Cresciuto in una famiglia di ristoratori, ha imparato che nella comunicazione come nella cucina l’occhio vuole la sua parte e che la qualità e la capacità di miscelare gli ingredienti giusti fanno la differenza.